Alzo la voce

Qualche volta le strade che la vita ci propone sono degli scherzi della natura.
Alcuni mattoni sono fake, finti, ingannevoli. Ci metti il piede su e buhm sei a terra.
Tu dovevi camminare solo dove era indicato non dovevi uscire fuori dal percorso, altrimenti..
In qualche modo, noi come esseri umani compartecipiamo alla creazione di queste strade e qualcuno lo fa ancora prima che tu/noi veniamo al mondo, ce le prepara. Aggiusta tutto per bene e aspetta che se non segui la rotta indicata tu ne sia giustamente punito.
Perché? Non so rispondere, ma è quello che accade in giro.
E allora tutto dipende da dove sei nato e dal tuo sesso. Magari dalle tue parti le strade sono pulite, con pochi inganni e sei libero di andare a destra e a sinistra come vuoi, che tu sia uomo o donna. Altrove no.

M. Hai sentito, per radio dicevano di una cosa accaduta ad una ragazza..ma non ho ben capito ..

G. mmh, boh, forse stamane o ieri dicevano di una, ma ne hanno sempre qualcuna da raccontare non credi.. che palle!  

M. si ma questa volta mi ha colpito, boh mi sa che è più di una, vabbè… comunque credo in Arabia Saudita, una è stata frustata…

G. mmh… al giorno d’oggi una cosa del genere?. .. sembra strano, ma che dicevano di una violenza in casa? sarà stata una roba da maniaci, una violenza no?

M. non credo perchè era tipo una punizione pubblica per qlkosa..ma ti sembra possibile?  Solo che quando l ho sentito mi ha scosso, ha la mia età…lei potevo essere io.

G. mah, guarda secondo me ti sbagli, sarà andata in un altro modo, sarebbero stati condannati coloro che l’hanno frustata… non è proprio possibile che accada una cosa del genere, cacchio mi fai venire i brividi!

Sheima Jastaniah, condannata in Arabia Saudita a dieci frustate per aver guidato da sola un’auto. eeh??
Che la condanna sia stata eseguita a questo punto non conta più. (anche se ho letto in giro con somma gioia che era stata revocata dal re)
Secondo la legge islamica in vigore in Arabia Saudita, le donne necessitano del permesso di un tutore maschio per lavorare, viaggiare all’estero e persino sottoporsi a cure mediche. Del tutto esclusa la possibilità di muoversi liberamente in auto.(Repubblica.it)

Ci sono troppe donne come Sheima, non solo in Arabia Saudita e molte come me.

C’è una campagna di Amnesty che prova a dare voce a coloro che, con coraggio, provano a percorrere la loro strada scegliendo e affrontando le ingiustizie per una nuova libertà. Quella che magari un’altra, dall’altra parte del mondo, non sa neanche di possedere e butta nel cesso così.

Fino al 25 NOVEMBRE, Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, si può contribuire alla raccolta fondi per sostenere Amnesty affinchè affianchi ed aiuti queste donne senza voce.
Abbiamo tempo, e due euro sicuramente nel nostro cellulare. Spargete la voce, alzatela, vi prego. Sono donne e per questo subiscono ancora di più.
 il video dura 30 secondi.

Amnesty è l’unica organizzazione non governativa che si occupa della difesa dei diritti umani e della denuncia pubblica di violazioni facendo si che queste vengano interrotte. Fa lobby, pressioni mediatiche e sui governi. Denuncia ad alta voce e accompagna legalmente.
Proprio adesso che Medio Oriente e Nord Africa sono paesi in transizione bisogna tenere alta l’attenzione su di loro.

2 comments on “Alzo la voce

  1. E io ti ho sentito!
    Spero siano in molti ad ascoltarti e leggerti.

    • Grazie da parte di tutte coloro che ne beneficieranno. Speriamo! Io anche ho inviato l sms tanto alla fine posso rinunciare a due euro nonostante sia un periodo di grandi fatiche economiche. Un pacco di farina in meno 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php