Onigiri e Maki, cucina giapponese fatta in casa.

Quando mi sono cimentata per la prima volta con la cucina giapponese ero proprio di buon umore. Appena uscita da un periodo di malattia/malessere durato un po’ troppo per i miei gusti, un paio di settimane fa avevo proprio il desiderio di creare qualcosa con le mie mani.

La cucina giapponese, in particolare, fonde la creatività e la manualità con la pazienza zen, molto di più sicuramente della cucina italiana. Almeno, secondo il mio punto di vista, rispetto a quella italiana odierna di tutti i giorni. Perciò per la prima volta, grazie ad un articolo di Luca, ho deciso di provare anche io. Sono una appassionata di sushi, sashimi, chirashi e altro … e ho preparato quei famosi triangoli di riso nipponici ripieni conosciuti come onigiri (l’idea mi ricordava un po’ gli arancini ma in una versione super light e fredda).

E mentre li preparavo ho seguito anche le istruzioni per i più classici maki, disponendo della alga nori che sarebbe irrimediabilmente avanzata dai miei onigiri.

La preparazione di tutto ciò è molto semplice come il maestro #vegetarianocasual mi insegna. Basta avere gli ingredienti per il ripieno organizzati e pronti all’uso, cuocere il riso nel modo giusto e un po’, pochissima manualità.

Io ho usato del pesce affumicato e del caviale semplice. Voi potete dare sfogo alla vostra creatività non me ne voglia il #vegetarianocasual ma l’umeboshi proprio non mi andava giù. La rimando ad altri tempi.

Ingredienti per gli Onigiri e i maki al salmone e caviale

x due persone, 4 Onigiri, 6 hosomaki
  • 250 g di riso per sushi
  • 1 barattolino del vostro caviale piccolo preferito
  • 3 Fogli di alga nori essiccati e pronti all’uso
  • 200 g di salmone affumicato o pronto per essere mangiato crudo
  • Aceto di mele
  • Sale
  • Semi di Sesamo se volete

Prima di tutto il riso giapponese: più corto e tondeggiante del riso italiano. Lo trovate nei supermercati nel reparto “cibo orientale”, va lavato sotto acqua corrente per un po’. Poi messo a cuocere in acqua bollente seguendo attentamente le istruzioni.

Appena trascorso il tempo indicato per la cottura, scolatelo e lasciatelo fermo, riposare per dieci minuti (non toccatelo anche se sembra che si possa incollare). Poi andate li con un cucchiaio e giratelo e preparatevi per lavorare sulle forme degli onigiri e maki.
Per gli onigiri io ho lavorato (sotto consiglio sempre del #vegetarianocasual) con dei fogli di pellicola trasparente per alimenti e su questi ho adagiato un pugno di riso bianco, spolverato con pochissimo sale; premuto nel centro come per creare una cavità vi ho adagiato il salmone a pezzetti o il caviale; ho ricoperto con mezzo cucchiaio di riso e chiuso con la pellicola.
A questo punto vi trovate una palletta di riso bianco avvolta nella pellicola. Prendetela in mano e sempre con la pellicola ben chiusa cominciate delicatamente a lavorarla per dargli la classica forma a triangolo. Fate attenzione a non fare uscire il ripieno e premete bene affinché il riso sia ben serrato, chicco con chicco.

Lasciateli avvolti nella pellicola per un po’ e conservateli in frigo. Prima di servirli togliete la pellicola, e potete passarli nel sesamo (se vi piace) e ricoprire una parte del triangolo o tutto con l’alga nori, per preparare un punto per la presa senza sporcarsi le mani.

Per preparare i maki invece:

  • 1 foglio di alga nori
  • 1 tappetino quadrato per la preparazione del sushi (nei negozi specializzati)
  • Il riso come sopra e salmone o altro per il ripieno

Stendete sul tappetino l’alga nori e sull’alga uno strato di riso bianco. Lasciando un po’ di spazio dal bordo, diciamo 2-3 cm, disponete per lungo il ripieno (salmone in questo caso) e arrotolate con l’aiuto del tappetino (serve a questo!) l’alga nori spalmata di riso su di se per formar un tubo.. Premete bene lungo la lunghezza ed è fatto.

Togliete il tappetino e avrete un lungo tubo di alga nori ripieno di riso e salmone. Prendete un coltello affilato e tagliate i maki della grandezza che preferite.

Servite accompagnato da salsa di soia e wasabi.

La prossima volta mi darò ai California rolls e al tempura.
Enjoy your weekend !
❤❤❤

2 comments on “Onigiri e Maki, cucina giapponese fatta in casa.

  1. A noi( Luana’s family) piace un sacco.
    La trovo una cucina golosa, che si addice anche a chi è perennemente a dieta! Voglio dire meglio del sushi che una pizza!no?!!
    lalu_lstinzi.blogspot.it

    • Stefania

      Sono d’ accordo ! 🙂 io sono sempre ben disposta verso la cucina giapponese .. ammetto però che preparare gli onighiri è un po’ macchinoso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php