gite di primavera in pianura padana

Gite di primavera in Pianura Padana: tra natura, trattorie e castelli Longobardi

gite di primavera in pianura padanaNon lontano da Milano ci sono diverse possibilità per trascorrere una piacevole giornata all’aperto e organizzare delle gite di primavera in Pianura Padana, tra la natura, l’arte e il buon cibo, per esempio, della provincia di Pavia o dei colli piacentini.

Attorno al fiume Po si snodano diverse città che valgono tutta l’occasione di una visita, ne cito sono alcune come Pavia, Piacenza, Lodi e Crema, ma non dimentichiamo i numerosi comuni quasi tutti di epoca medievale che popolano questa campagna come Sant’Angelo Lodigiano.

Questi sono luoghi raggiungibili in auto, in treno ma anche su una delle tante barche che attraversano il fiume Po, oppure seguendo degli itinerari ciclistici. Vi ho già parlato della città di Pavia e dove gustare una buona piazza senza glutine qui. Oggi ci dirigiamo nei comuni minori e verso la campagna, tra Milano, Pavia e Piacenza, dove ci sono diversi itinerari da seguire e dove fermarsi a magiare cucina lombarda alla Trattoria Nuova di Magherno (PV) a distanza di un’ora o massimo due da Milano.

gite di primavera in pianura padana

Gran parte della Pianura Padana oltre ad essere una bella campagna, per esempio il Piacentino è soprannominato “la piccola Scozia” per numero di manieri che costellano il territorio, è anche un territorio con molti siti culturali riconosciuti. Diversi palazzi e monumenti in questa pianura raccontano ciascuno l’influenza dei Longobardi (Pavia per esempio era capitale dei Longobardi) e l’architettura del periodo alto medievale.

Oltre al già conosciuto Castello di Belgioioso, a Belgioioso fuori Pavia, ci sono altri comuni da visitare. Per esempio, vale una visita il Castello di Chignolo Po, antica fortezza e presidio delle vie del Po e di quella che oggi è chiamata via Francigena. Questo castello a seguito di una serie di interventi fatti nel tempo è stato nominato “la Versailles della Lombardia” merita sicuramente una visita!

Altro castello, forse meno sfarzoso ma che se vi trovate nei dintorni vi suggerisco è il Castello di Inverno, nel comune di Inverno e Monteleone.

Se invece preferite i percorsi naturalistici e le passeggiate a piedi allora ci sono due luoghi di interesse in questa provincia: l’Oasi di Sant’Alessio e il Parco della Collina.

L’Oasi di Sant’Alessio, a Sant’Alessio con Vialone (PV), è una riserva naturale e oasi WWF con animali per lo più liberi, in cui si svolgono diversi progetti di conservazione e reintroduzioni di specie animali e vegetali. Anche qui, dopo essere entrati pagando un biglietto (sui 14euro), si possono seguire diversi percorsi in cui sono ricostruiti degli habitat naturali. Per esempio il ‘percorso europeo’ o il ‘percorso tropicale’. Oppure si possono seguire percorsi per l’avvistamento di farfalle particolari e colibrì.

Il Parco della Collina di San Colombano invece è un parco agricolo che si estende sulle colline che vanno da San Colombano al Lambro a  Sant’ Angelo e Graffignana. Da San Colombano potete prendere il ‘percorso natura’ a piedi per scoprire gli habitat naturali e le diverse specie animali e vegetali che li abitano, è un percorso che si fa in 1 ora circa. In generale, i percorsi sono segnalati da cartelli. Si tratta di un parco che permette di ammirare degli splendidi panorami in questa stagione ed è consigliatissimo, non solo da me ma anche dalla molteplici recensioni che troverete in rete!

Dopo tutto questo camminare vi sarà venuta fame? 

Dove pranzare in provincia di Pavia

Si può sicuramente optare per un pranzo al sacco, tuttavia questa zona è conosciuta proprio per le numerose trattorie che offrono cucina locale ad un ottimo prezzo. Non lontano da i siti di interesse che vi ho suggerito potete fermarvi a Magherno alla Trattoria Nuova, ideale per il pranzo del sabato o della domenica che trascorrerete in giro per la campagna lombarda durante la bella stagione. Qui trovate altre informazioni sul menù offerto dalla Trattoria Nuova, che va dalla cucina tipica lombarda alla pizzeria, anche per celiaci.

gite di primavera in pianura padana
Dalla Trattoria Nuova di Magherno

Buzzoole

0 comments on “Gite di primavera in Pianura Padana: tra natura, trattorie e castelli Longobardi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php